recensione lavazza a modo mio tiny

Recensione Lavazza a Modo Mio TINY e Confronto con la Lavazza JOLIE

La Lavazza a Modo Mio TINY è la macchina per caffè ideale per chi vuole affacciarsi nel mondo delle macchinette di caffè monoporzionato a capsule: è la piccola di casa Lavazza e anche una delle macchine più economiche presenti sul mercato. In tanti si chiedono se dietro le dimensioni così ridotte e il prezzo così basso ci sia una macchina per caffè di qualità. Andiamo a scoprirlo insieme in questa recensione!

Contenuto della Confezione

 La confezione della macchina per caffè a capsule Lavazza a Modo Mio TINY contiene:

  • Una confezione di capsule: 9 capsule originali Lavazza da assaggiare;
  • Il manuale d’istruzioni
  • La macchina del caffè

Design

La Lavazza A Modo Mio TINY fa parte della famiglia di macchine da caffè economiche di Lavazza, come anche la “sorella” Lavazza JOLIE. Le differenze nel design, però, sono interessanti: la più evidente è nel meccanismo di inserimento capsula.

La TINY ha un cassettino di inserimento capsula manuale che funziona e si usa come un vero e proprio cassetto. La JOLIE, invece, imita il mondo Nespresso con un inserimento della capsula dall’alto e una manopola per la pressione della stessa. Mentre con la TINY, dopo l’erogazione del caffè, dobbiamo estrarre manualmente la capsula, nella JOLIE le capsule esauste vengono raccolte in un cassetto da svuotare una volta riempito.

Il sistema della JOLIE appare più comodo. In realtà, il cassetto che raccoglie le capsule è molto piccolo (arriva a contenere 6-8 capsule) e deve essere svuotato spesso; con il rischio di riempirlo troppo e bloccare il meccanismo della macchina.

Dimensioni

La Lavazza TINY è piccolissima: è larga solo 9 cm, alta 25 cm, e profonda 30 cm. E’ una macchina per caffè che può sicuramente trovare spazio in ogni cucina. 

Le dimensioni delle macchine per caffè sono sempre indicatrici della loro finalità di utilizzo; per la TINY, allora, non ci sono dubbi: è sicuramente pensata per un utilizzo prettamente casalingo e non intensivo come può essere quello di un ufficio dove si fanno molti caffè consecutivamente.

Test Tazza da Cappuccino

Le macchine per caffè così piccole di solito non superano il test della tazza del cappuccino. La Lavazza A Modo Mio TINY, invece, ce la fa, anche se a malapena. La macchina può ospitare una tazza da cappuccino anche se la tazza rimane un po’ inclinata e dovremo fare un po’ di attenzione perché non si rovesci.

Serbatoio

In linea con le piccole dimensioni e la finalità di utilizzo casalingo, anche il serbatoio della Lavazza TINY ha dimensioni ridotte: 750 ml. 

Potenza di Pompa e assorbimento

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, tra le due macchine per caffè Lavazza, è la TINY ad avere una potenza di pompa maggiore: 15 bar, contro i 10 della JOLIE. Questo non significa che il caffè migliore è quello della TINY: la potenza di pompa non determina di per sé la qualità del caffè (vi rimando al video dedicato all’importanza della pressione della pompa). Ma in questo caso, per le caratteristiche di entrambe le macchine, tendo a preferire – e quindi a consigliare – la TINY.

Per quanto riguarda l’assorbimento, la TINY è tutt’altro che “tiny” (piccola, in inglese): la macchina assorbe 1450 watt! E’ quasi un valore record. La bolletta non ne risulterà felice, ma un assorbimento così elevato ha sicuramente anche dei vantaggi: uno su tutti, la velocità con cui, appena accesa, si scalda e diventa pronta per il primo caffè.

Tempo Prima Accensione

La Lavazza A Modo Mio TINY è velocissima nel raggiungere la temperatura appropriata per l’erogazione del primo caffè. Occorrono solo 20 secondi circa affinchè la macchina, da spenta, sia pronta per la prima erogazione. 

Se è vero che l’assorbimento elevato può pesare sulla bolletta, è anche vero che questa è una di quelle macchine per caffè che si può spegnere sempre perché può essere pronta per l’erogazione in men che non si dica!

Vi rimando all’articolo e al video dove ho confrontato i consumi delle principali macchinette del caffè a cialde e capsule.

Funzionamento

La Lavazza A Modo Mio TINY è facilissima da utilizzare. Ha un unico tasto, con cui possiamo, innanzitutto, accendere la macchina per caffè. Il tasto inizia e lampeggiare e si ferma, restando illuminato, quando la macchina è calda e pronta ad erogare il primo caffè.

L’inserimento e rimozione della capsula avviene attraverso l’estrazione dell’apposito cassetto. Grazie all’inserimento di magneti nella piccola struttura, il cassetto aderisce perfettamente. I magneti, però, fanno anche sì che il cassetto non si apra quando abbiamo appena erogato il caffè, mentre è in atto un depressurizzazione del corpo macchina (verso il vassoio di scarico delle acque grigie). Questo non è un problema quando si fa un solo caffè, ma quando se ne fa uno dietro l’altro, questa caratteristica diventa un impedimento che fa perdere un po’ di tempo.

Il sistema Lavazza A Modo Mio supporta delle capsule piuttosto grandi che contengono i 7gr tipici dell’espresso all’italiana.

Per erogare il caffè e, successivamente, interrompere l’erogazione, si utilizza lo stesso pulsante.

Una volta erogato il caffè e rimossa la cialda, possiamo tranquillamente spegnere la macchina perchè, come accennato sopra, se avremo voglia di un altro caffè, dovremo aspettare non più di 20 secondi! 

Se, al contrario, ci dimentichiamo la macchina accesa, l’autospegnimento la spegnerà al nostro posto dopo 9 minuti.  Se da una parte questa caratteristica è un vantaggio per un utilizzo casalingo, per un uso in ufficio o un luogo maggiormente frequentato, dove si ha la necessità di avere la macchine del caffè sempre accesa, questo può diventare un piccolo svantaggio.

Temperatura prima erogazione

Con un semplice termometro, ho misurato la temperatura del primo caffè erogato dalla Lavazza A Modo Mio TINY dopo l’accensione: il primo caffè ha una temperatura di 45°C. E’ un caffè piuttosto freddo; altre macchine (come la Frog) hanno temperature sulla prima erogazione decisamente più elevate.

Come al solito, ho effettuato anche un secondo test su un secondo caffé per scoprire come cambiano le caratteristiche quando tutte le componenti interne della macchina sono calde (riscaldate dal passaggio dell’acqua calda della prima erogazione). Il secondo caffè ha una temperatura di 62°C, decisamente migliore del primo, ma ancora basso rispetto a macchine per caffè concorrenti. Chi ama il caffé particolarmente bollente, vorrà forse valutare un’altra opzione rispetto alla piccolina di casa Lavazza.

Per tutto quello che riguarda la temperatura perfetta per un buon espresso vi rimando all’articolo e al video dove ho approfondito i trucchi per erogare un caffè alla giusta temperatura!

Pulizia e Decalcificazione

Per quanto riguarda le acque grigie, la Lavazza A Modo Mio TINY presenta una prima  vaschetta che raccoglie le acque grigie di scarico, e una – che si estrae solo una volta sfilata la prima – che raccoglie le acque che non sono state erogate dopo essere andate in pressione nel tubo. Le vaschette sono entrambe molto piccole, ed è difficile non sporcare la superficie quando si effettuano queste operazioni di pulizia.

Il cassetto porta capsule, invece, si può rimuovere e lavare comodamente.

Il gruppo pressa cialda e tutte le altre componenti non sono accessibili, quindi, purtroppo, una pulizia più approfondita non è possibile. Questa caratteristica “blindata” ha anche un altro risvolto: non possiamo, in caso di danneggiamento, andare a sostituire un solo componente della macchine per caffè. Potremmo definire la Lavazza A Modo Mio una macchina “usa e getta”: quando smette di funzionare in maniera ottimale va sostituita o se in garanzia, portata in un centro assistenza autorizzato.

Per mantenere la Lavazza A Modo Mio TINY al meglio delle sue prestazioni, consiglio la decalcificazione periodica, una volta al mese. Come sempre vi consiglio un decalcificante ECO Friendly e vi suggerisco quello da me provato che trovate a questo link.

Versioni disponibili 

La versione della Lavazza A Modo Mio TINY è solo una, ma è disponibile in tantissimi colori. Possiamo benissimo abbinarla ai colori della nostra cucina, o aggiungere un tocco di colore in un piccolo ufficio.

Prezzo

La Lavazza a Modo Mio TINY e la Lavazza JOLIE sono molto simili anche nel prezzo: la differenza tra le due è di soli dieci euro (69 euro per la TINY e 79 per la JOLIE). Nella scelta tra l’una e l’altra versione, quindi, conviene basarsi più sulle caratteristiche e sulle nostre esigenze piuttosto che sul risparmio. Si trova spesso in offerta anche a prezzi inferiori ai 50 euro che la rendono la macchina del caffè a capsule più economica sul mercato!

Pro e Contro

Pro

  • Dimensioni ridotte adatte ad ogni cucina;
  • E’ pronta per il primo caffè in soli 20 secondi;
  • Eroga un buon caffè

Contro

  • Serbatoi multipli e piccoli che si riempiono presto e si svuotano in maniera scomoda;
  • Cassetto porta capsule che non può essere estratto immediatamente dopo aver fatto il caffè;
  • Difficile manutenzione.

Conclusioni

La Lavazza A Modo Mio TINY è ideale per l’uso casalingo o per un piccolo ufficio: è da tenere presente che è adatta a fare pochi caffè. Una famiglia numerosa che la mattina necessita di fare un caffè dietro l’altro può trovarsi in difficoltà con una macchina così piccola. 

Questa macchina per caffè è  eccellente sotto il profilo del costo e del rapporto qualità prezzo: fa un ottimo caffè ed è una macchina molto economica così come lo era la Minù di cui ha preso il posto, aspetti che ci fanno sopportare con facilità anche quei piccoli difetti che abbiamo evidenziato!

Posted in Blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.