cappuccino perfetto

Il cappuccino perfetto con i migliori montalatte e cappuccinatori del 2021

Se il caffè è una scienza, lo è anche il cappuccino. Nei supermercati, nei negozi di elettrodomestici, e anche su Amazon, non è difficile trovare cappuccinatori o montalatte che dir si voglia, più o meno cari. Ma cosa occorre per fare un cappuccino perfetto?

Prima ancora di mettersi alla ricerca dello strumento ideale, per fare un cappuccino perfetto  dobbiamo conoscere la ricetta perfetta!

Il cappuccino perfetto: la ricetta

Per prima cosa, per fare il cappuccino ci vuole il caffè e, in particolare, l’espresso all’italiana ovvero la classica tazzina di caffè da 25/30 ml di caffè. Al caffè va mescolato del latte, rigorosamente intero: la dose perfetta è di 100 ml che poi montato svilupperà 125 ml. Intero perché il contenuto di proteine è maggiore e quindi monta meglio… in realtà i montalatte attuali riescono a montare anche latte di soia, o parzialmente scremato grazie alla grande velocita di rotazione…

L’aspetto che in molti trascurano del cappuccino, e che invece è fondamentale, è la temperatura del latte che andiamo a montare: deve essere tra i 55 e i 60 gradi centigradi. Se non siamo bravi a riconoscere la temperatura opportuna toccando la lattiera – di solito sanno farlo solo i bravi baristi – possiamo tranquillamente aiutarci con un termometro. E’ anche importante che iniziamo a montare il latte da una temperatura di 3-5 gradi, ovvero dalla temperatura che ha all’interno del frigorifero. In questo modo, otteniamo che il latte si monta lentamente e quindi nel migliore dei modi.

Perchè la temperatura del latte è tanto importante? Con temperature elevate, nel latte avvengono delle modifiche chimiche. Per esempio, se superiamo i 70 gradi, il latte tende a cambiare a colore (dal bianco vira verso il giallognolo), ma soprattutto le reazioni chimiche che avvengono al suo interno fanno sì che lo digeriamo difficilmente; avete presente la sensazione di voler andare in bagno subito dopo colazione con un cappuccino… ecco potrebbe essere il latte troppo cotto….

Passiamo adesso a considerare gli strumenti che ci servono.

Montalatte o lancia a vapore?

Le macchine del caffè a cialde o capsule dotate di lancia a vapore in commercio sono veramente poche. Più precisamente sono solo due: la Frog Vapor e la Faber Slot con lancia a vapore. Questo è già uno dei motivi per cui sconsiglio la lancia a vapore: se andiamo ad acquistare una macchina del caffè a cialde con lancia a vapore la nostra scelta diventa veramente limitata.

Il motivo principale per la sconsiglio, però, è che è veramente difficile fare un buon cappuccino con la lancia a vapore: oltre al problema della temperatura, c’è al rischio di non saper montare il latte in maniera opportuna.

La lancia a vapore, infine, richiede una manutenzione e una pulizia molto attenta, per cui, per tutti questi motivi, diventa poco pratica, soprattutto rispetto all’alternativa costituita dai montalatte.

Avete presente la lancia vapore incrostata di latte, che perde il colore alluminio ed assume in colore totalmente bianco? Ecco se la trovate in un bar, vi consiglio di scappare o comunque di non ordinare un cappuccino!

I montalatte o cappuccinatori sono la soluzione più facile per tutti: sono facili da usare, la pulizia è più semplice e veloce, e la qualità del cappuccino che si ottiene è standard.

Il cappuccino perfetto con il montalatte

I montalatte in commercio sono molto numerosi e, più o meno, funzionano tutti alla stessa maniera. Hanno, in genere, tre tasti che servono per il montare caldo, montare freddo, e per scaldare. Tutti sono dotati all’interno di una paletta o retina che, tramite il motore, mescola il latte e lo monta. Come orientarci quindi sull’acquisto di un prodotto piuttosto che un altro.

Quello che deve fare la differenza è la facilità di pulizia. Come per la lancia a vapore, anche la pulizia del montalatte è molto importante: tutti i residui di latte devono essere lavati via dopo ogni cappuccino, altrimenti quegli stessi residui di latte bruciato finiranno nel prossimo cappuccino andando a causare quei problemi di digestione cui abbiamo accennato prima.

Gli ideali sono i montalatte che hanno la parte elettrica completamente esterna al corpo della macchina, come il montalatte Illy o Lavazza. In questo modo, il contenitore del latte, non solo può essere lavato più comodamente, ma può anche andare in lavastoviglie. 

Se avete la possibilità di fare una prova, fate quella della temperatura: come abbiamo specificato, la temperatura del latte montato deve essere tra i 55 e i 60 gradi.

Oltre al montalatte Illy che ho già nominato, ne consiglio anche uno con le stesse caratteristiche di facilità di pulizia ma più economico, il montalatte Miroco , e un altro, invece, più costoso e completo, il SEVERIN SM3587.

La prova con i montalatte

Ho testato personalmente il montalatte Illy e un cappuccinatore di un marchio cinese sconosciuto. Dopo aver versato la stessa quantità di latte (100 ml) in entrambi i cappuccinatori, ho montato il latte così ne ho potuto apprezzare le differenze.

Il latte montato con il modello di marchio Homgeek, non conosciuto aveva una temperatura di 69.5°C: se il latte, come abbiamo detto, non deve mai superare i 70, con questo modello siamo proprio al limite.

Con il montalatte Illy ho invece ottenuto una temperatura di 66.5°C, quindi decisamente migliore.

Dopo aver versato il contenuto di entrambi i montalatte in una tazza trasparente ne ho potuto apprezzare le differenze. Il modello di marchio Homgeek monta il latte molto velocemente e il risultato è una schiuma molto densa e compatta, difficile da “tuffare” in tazza perché appunto molto corposa… è la tipica schiuma dei cappuccini orientali dove fanno le sculture con il latte. Con il montalatte Illy, invece, si ottiene una schiuma molto meno densa e che somiglia decisamente di più alla classica schiuma da cappuccino ed è più facile amalgamarla in tazza

Conclusione

Per fare il cappuccino perfetto, oltre a conoscere la ricetta perfetta, abbiamo bisogno degli strumenti giusti. Per riassumere, io consiglio il montalatte piuttosto che la lancia a vapore a meno che non ci si voglia cimentare a diventare dei baristi provetti e, tra i cappuccinatori, i modelli che scaldano il latte alla temperatura opportuna e che sono facili da pulire . La pulizia e la temperatura sono due aspetti fondamentali come abbiamo visto😊 

Nel video del mio canale youtube potete vedere come sono usciti i due latte montati con i due montalatte per poterli confrontare e scrivetemi nei commenti quale mi consigliate con cui voi vi trovate bene.

Posted in Blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.